Categoria: Nazionale

Autore: Pietro Santercole

Pubblicato il: 20/06/2019

Letto: 117 volte

#futsalmercato, certi rumors sin... Duda! Il Wenger del calcio a 5 a Rieti

#futsalmercato, certi rumors sin... Duda! Il Wenger del calcio a 5 a Rieti

Certi rumors avevano rilanciato l'anticipazione dell'autorevole NPC TV (LEGGI QUI) ma poi non hanno mai avuto un dubbio dubbi sul candidato forte alla panchina del Real Rieti (LEGGI QUI), tralasciando, non considerando, tutti gli altri nomi accostati al sodalizio di Pietropaoli. E' proprio il club reatino, ora, a rendere merito a una delle nostre anticipazioni, ufficializzando l'erede di Festuccia... sin Duda.

LA NOTA Eduardo Sao Thiago Lentz, meglio conosciuto col diminutivo di Duda è il nuovo allenatore del Real Rieti. La firma sul contratto, che lo legherà al club amarantoceleste fino al 30 giugno 2020, è arrivata nella giornata odierna al termine di una trattativa agevolata dall’intermediazione del procuratore del tecnico, Daniel Rodriguez Lozano, al quale la società rivolge un ringraziamento speciale. Nato a Florianopolis, in Brasile, il 12 dicembre 1969, la carriera di Duda nel futsal inizia nel ’92 col Sego Zaragoza, dove milita fino al ’94 vincendo una Coppa di Spagna e una Supercoppa, per poi vestire la maglia di El Pozo Murcia dal ’94 al ’96 (una Supercoppa e una Coppa di Spagna anche coi giallorossi), che indosserà nuovamente a fine carriera nella stagione ’00/’01. Ma è proprio da lì che comincia a muovere i primi passi come allenatore: ci rimarrà per 18 stagioni filate, nel corso delle quali vince praticamente tutto: 4 campionati spagoli (’05/’06-’06/’07-’08/’09 e ’09/’10), 3 Coppe di Spagna (’02/’03-’07/’08 e ’09/’10), 2 Copa del Rey (’15/’16 e ’16/’17), 5 Supercoppa di Spagna (’06-’09-’12-’14-’16) e una Coppa delle Coppe (’04/’05). Gli sfugge la Coppa Uefa, nel 2008 dopo la lotteria dei calci di rigore. Nell’aprile dello scorso anno annuncia che non rinnoverà il contratto coi murciani dopo una militanza di 18 anni preferendo l’esperienza in Kuwait sulla panchina dell’Al Yarmouk.

Pietro Santercole