Categoria: Femminile

Autore: Redazione

Pubblicato il: 29/07/2020

Letto: 44 volte

Virtus Romagna, Berti e Falcioni confermate. “Daremo il massimo”

Virtus Romagna, Berti e Falcioni confermate. “Daremo il massimo”

Gli ultimi due rinnovi in casa Virtus non potevano che essere quelli legati a Sara Berti e Valentina Falcioni, due delle più importanti e cruciali giocatrici a disposizione della coach Imbriani, autrici entrambe di una prima stagione in maglia virtussina eccezionale. Sia Berti che Falcioni sono fra le principali motivazioni dell’ottima annata della Virtus alla sua prima apparizione in Serie A2: il loro apporto in campo e fuori – grazie al loro talento, alla professionalità e al temperamento – ha aiutato notevolmente la squadra romagnola a crescere nel giro di poco, permettendole di gareggiare fino all’ultimo per le posizioni più alte della classifica. Ora, sono pronte a dar continuità al loro lavoro e alla loro esperienza alla Virtus.

BERTI – Entrambe ex Flaminia, all’inizio della passata stagione avevano sensazioni differenti su quello che avrebbe potuto essere il cammino della Virtus. “La scorsa stagione direi che è stata buonissima, visti i risultati ottenuti. Però non è stato facile: eravamo una squadra nuova e dovevamo trovare i giusti meccanismi, ma siamo riuscite ad amalgamarci molto velocemente e i risultati non hanno tardato ad arrivare. Gran parte del merito va ovviamente alla coach, ma anche a tutte noi che ci siamo messe in gioco”, ha commentato Berti.

FALCIONI – Falcioni, invece, aveva posto l’asticella in alto sin da subito: “Andrò controcorrente, ma francamente ho pensato dall’inizio che avremmo potuto giocarcela e battere chiunque. Ovviamente le difficoltà le ho messe in conto. Eravamo una squadra quasi del tutto nuova, fatta di giocatrici con esperienze diverse e non è facile gestire uno spogliatoio del genere: bisognava essere brave a gestire le possibili difficoltà che derivano da questi fattori, ma noi siamo state brave ad amalgamarci come spogliatoio avendo così poi la possibilità di gestire al meglio le situazioni problematiche. Già nei primi allenamenti ho visto il giusto agonismo e la necessaria determinazione, cose che poi in un certo senso hanno semplificato il lavoro nostro e dell’allenatrice. Ma se da una parte mi aspettavo una grande stagione, arrivare fino al momento della sospensione a combattere per il primo posto è stato un traguardo difficile da prevedere all’inizio”.

IL BILANCIO – La stagione della Virtus, però, è dovuta comunque passare attraverso diversi momenti complicati prima di arrivare alle sei vittorie consecutive che stavano portando la squadra di Imbriani ad affrontare al meglio il Capena nello scontro diretto. Proprio durante quei periodi, in cui sembrava potesse crollare tutto, si è formato il carattere arcigno e competitivo del gruppo. Valentina Falcioni, difatti, ci tiene a sottolineare la resilienza mostrata nel momento decisivo della stagione: “Abbiamo vissuto momenti di grande difficoltà e anche quando le cose sembravano andare parecchio male la squadra non si è sfasciata, anzi, si è rafforzata ulteriormente”. Dello stesso avviso è anche Sara Berti: “Ci sono state anche delle delusioni e delle sconfitte amare, ma nel complesso la stagione si è conclusa molto positivamente. Purtroppo avremo sempre con noi il grande cruccio di non sapere come sarebbe potuta terminare: lo stop è arrivato in un momento in cui eravamo molto cariche emotivamente e sono certa che avremmo sicuramente continuato a dire la nostra. Faccio comunque i complimenti al Capena per la promozione, peccato solo non aver potuto disputare la gara di ritorno”.

IL LOCKDOWN – Ma ora testa alla prossima stagione, fra le incertezze dovute all’emergenza Coronavirus e la grande voglia di tornare in campo. “Questa emergenza ci ha obbligate a stare lontano dal campo e inizialmente non è stata per niente semplice. La società e lo staff però ci sono sempre stati vicine e hanno cercato di darci quanto più “materiale” possibile per farci allenare anche da sole. A oggi la situazione è ancora molto delicata, ma i primi comunicati sono usciti e leggere le date ufficiali della probabile ripartenza è stato emozionante”, ha dichiarato Berti. Per Falcioni questi mesi lontani dal futsal sono stati se possibile ulteriormente difficili, lavorando lei in farmacia: “Ho toccato con mano i dubbi, le paure e l’insicurezza delle persone spaventate da questo nuovo virus: in questo clima di incertezza, è stata parecchio dura per quanto mi riguarda stare lontana dal futsal. Durante l’interruzione ho continuato ad allenarmi, ho cercato di variare un po’ i miei allenamenti sforzandomi a trovare un po’ di tempo per lavorare su me stessa. Mi sono poi un poco riposata, ma stare lontana dal campo è stata molto dura. La speranza è quella di ricominciare e di non dover di nuovo essere interrotte, che è stata forse la cosa che più mi ha pesato”.

PROSSIMA STAGIONE – Infine, sia Berti che Falcioni sottolineano lo sforzo della società nel garantire la A2: un aspetto decisivo per la permanenza di entrambe. “Sono molto felice di poter indossare ancora una volta la maglia della Virtus Romagna. A oggi non sappiamo ancora nulla di come sarà strutturato il prossimo campionato, ma per certo so che non sarà facile riconfermarsi. Sono sicura che daremo il massimo per toglierci delle belle soddisfazioni anche l’anno prossimo”, ha detto Sara. E Valentina aggiunge: “Bisognerà ripartire con umiltà, ma con la consapevolezza di essere una squadra competitiva che può lottare per le prime posizioni. La società è riuscita a garantirci la permanenza in questa categoria e questo mi rende molto felice: non so dove potremo arrivare alla fine della stagione, ma dovremo lottare per i posti importanti della classifica”.

Michelangelo Bachetti
Ufficio Stampa Femminile Virtus Romagna


ARTICOLI CORRELATI

Romagna, altre due conferme: Mancarella e Marzo rispondono presente

07/07/2020 VIRTUS ROMAGNA Dopo l’atteso rinnovo della settimana scorsa del capitano Martina Mencaccini, continua il lavoro di preparazione alla prossima ...

Virtus Romagna, Mencaccini rinnova: “Orgogliosa di essere il capitano”

29/06/2020 VIRTUS ROMAGNA L’emergenza Coronavirus non è certamente passata e il futuro è ancora avvolto in una coltre di incertezza, eppure ...