Categoria: Femminile

Autore: Redazione

Pubblicato il: 19/09/2020

Letto: 41 volte

#SerieAFemminile, Falconara: ecco i primi movimenti di #futsalmercato

#SerieAFemminile, Falconara: ecco i primi movimenti di #futsalmercato

Si riparte dal totem, dal capitano, dalla trascinatrice della squadra. Sofia Luciani è una delle prime conferme del Città di Falconara, al suo ottavo campionato nella massima competizione nazionale del futsal femminile. Classe, potenza, cuore, muscoli e polmoni: la maglia col falco sul cuore e il numero 10 sulle spalle è indiscutibilmente della ventisettenne di Montegranaro.

LUCIANI – Questa per lei è la settima stagione a Falconara. “Difficile ripartire dopo cinque mesi di stop e sicuramente bisognerà pazientare e lavorare molto per raggiungere la forma ottimale. La società sta allestendo una squadra molto forte. Falconara viene da un lungo percorso di crescita: anno dopo anno abbiamo aggiunto sempre un nuovo tassello verso l’alto e penso sia giunto il momento di provare fino in fondo in tutte le competizioni”, afferma la giocatrice simbolo delle Citizens dall’alto delle sue 145 presenze e 86 reti in Serie A sempre con la maglia azzurra che fa impazzire il popolo del PalaBadiali. “Sono stato io a portarla qui a Falconara e a convincerla a giocare a futsal – è il commento del ds Mirco Massa -. Ritrovarla qui da capitano non può che farmi un immenso piacere. Allora non avevamo dubbi che sarebbe diventata una forte calcettista. Ma Sofia è andata ben oltre le aspettative, diventando una stella assoluta di questo sport”.

FERRARA – Vent’anni di talento, tante soddisfazioni già tolte e tanta strada ancora da fare. Il numero 21 è sempre di Erika Ferrara, la Pupilla del PalaBadiali che si presenta alla sua terza stagione consecutiva in casacca azzurra con all’attivo 72 presenze e 7 gol. “È un enorme piacere vestire ancora questa maglia che ormai è diventata una seconda pelle e poi questo è un anno davvero speciale – afferma -: la società compie 25 anni di vita e questa la dice lunga sulla storia e sul carattere di tutti quelli che la compongono”. Un 2020 iniziato lasciando l’amaro in bocca del lockdown e dello stop alle competizioni, ma che ha visto il CdF tirar fuori il suo carattere. “Anche in questo periodo difficile – sottolinea la Pupilla – il Città di Falconara non si è tirato indietro e ce l’ha messa tutta per ripartire e ripartirà, probabilmente anche più forte di prima. Finalmente torneremo a giocare nel nostro PalaBadiali tutto tirato a nuovo, con i nostri tifosi che ci aspettano da ormai troppo tempo. Sarà una stagione complicata. In Serie A ci sono poche squadre e tutte di alto livello: non avremo margini di errore, dovremo sbagliare il meno possibile”. Rincontrerà Mirco Massa, oggi ds e ieri allenatore della Dorica Torrette che ha lanciato la laterale fermana. “Ho avuto per due stagioni Erika e sono sincero, quando è arrivata la chiamata del CdF pensavo che non fosse ancora pronta e invece mi ha piacevolmente stupito – ammette -. Ora è un punto fermo di questa squadra, amatissima e ultra protetta dalla società. È la dimostrazione che, con la giusta dose di ambizione e con un bello spirito di sacrificio, si possono raggiungere grandi traguardi. Ambizione e spirito di sacrificio che al contrario, ahinoi, mancano in tante altre giovani ragazze”.

PATO – È la furia bionda e brasilera che lo scorso anno ha fatto letteralmente impazzire il PalaBadiali. Pronta per il rinnovo, Rafa Pato, cuore e muscoli al servizio di mister Neri e per la gioia dei tifosi. Che hanno ancora negli occhi le sue 17 presenze e 23 gol tra Serie A (top scorer della squadra) e Coppa della Divisione. La 99 delle azzurre si è completamente rimessa dall’infortunio rimediato lo scorso gennaio contro il Montesilvano. “Sono molto felice di ritornare a Falconara e continuare a giocare e difendere questa città che mi ha accolta così bene – dice Pato -. Ora è tempo di allenamento e dobbiamo lavorare sodo. Questo per noi è un periodo di preparazione per iniziare il campionato con il piede giusto. Ce la dovremo vedere con nove squadre molto forti e dobbiamo essere pronte ad affrontarle tutte”. Il ds Mirco Massa lo scorso anno ha avuto modo di vedere Pato un paio di volte in azione: “Ed è stato un autentico spettacolo – afferma -. Capisco in pieno perché sia diventata in breve un assoluto idolo della tifoseria. Qui la gente ama chi si batte per loro e Pato in questo è una formidabile trascinatrice. La ringraziamo per avere scelto di nuovo Falconara, così come diciamo grazie a Vincenzo Portelli e alla Penta Sport Consulting per la consulenza nell’operazione di rinnovo”.

GUTIERREZ – Classe e concretezza al servizio della squadra. Un mancino insidioso e sempre pronto a nuove imprese. È per questo che Carmen Delia Gutierrez Montero è subito entrata nel cuore dei tifosi del Città di Falconara. E per questo che la società ha fatto di tutto per trattenerla in maglia azzurra. Entusiasmo alle stelle che, ovviamente, è contraccambiato dalla spagnola. “Sono felice di essere qui un altro anno e ho voglia di vedere di nuovo un PalaBadiali pieno dei nostri tifosi e poter regalare loro delle grandi soddisfazioni”. Vestirà anche quest’anno la maglia numero 3. “Che dire di Guti #3? È da sempre una delle mie giocatrici preferite – rivela il ds Mirco Massa -, tanto che già al termine della stagione scorsa le ho chiesto, ottenendola, una sua maglia autografata in regalo. Siamo molto contenti di averla ancora con noi. La ringraziamo di averci scelto e Willy Lopez Lapuente per la consulenza nel rinnovo”.

NAVARRO – Quando il 22 dicembre 2019 un grido di dolore si è alzato dal parquet il PalaBadiali ha trattenuto il fiato. Nona Navarro Saez a terra in lacrime. Quell’apnea sta per finire perché la Wizard delle mille magie con la palla tra i piedi sta per tornare in campo con le Citizens per una nuova stagione dalle parti di Via dello Stadio. “Sono contenta di tornare in campo con la maglia del Falconara – dice Nona -. Ho tanta voglia di ricambiare tutto quello che hanno fatto per me in questi mesi”. E sono stati davvero mesi lunghi, durante i quali la spagnola è stata costantemente seguita dallo staff tecnico del Città di Falconara nel percorso riabilitativo dopo l’operazione al crociato anteriore, rimodulato dopo il lockdown a tre sedute di fisioterapia settimanali. “Ero presente il giorno dell’infortunio di Nona – ricorda il ds Mirco Massa -. La squadra stava vincendo per 1-0 sulla capolista Statte e tutti aspettavano che, con le giocate in campo aperto della fuoriclasse catalana, il Falconara allungasse nel punteggio. Poi quell’urlo di dolore e il gelo in un PalaSport fino a pochi minuti prima elettrico. Nove mesi dopo dobbiamo ringraziare i nostri fisioterapisti Mattia e Patrizio Magistrelli, il dottor Alberto Busilacchi e il nostro preparatore fisico Massimo Pistoni, perché Nona è una giocatrice completamente recuperata. Naturalmente va ringraziata lei per averci messo impegno e costanza formidabili. Ora servirà solo un po’ di tempo per vincere la paura. Come va ringraziato Willy Lopez Lapuente per la consulenza nel rinnovo”.


Ufficio Stampa Città di Falconara


ARTICOLI CORRELATI

Marcelli passa al Falconara: roster completato

25/09/2020 CITTA DI FALCONARA È Gioia Marcelli il tassello che mancava a mister Massimiliano Neri per completare il roster del Città di Falconara in ...

Falconara, agenda fitta per Rubal Casas: sarà giocatrice e tecnico dell’U19

24/09/2020 CITTA DI FALCONARA Tra campo e panchina, tre campionati in un anno. Sarà un anno davvero impegnativo quello di Silvia Rubal Casas, ultimo arrivo in ...

Certi rumors mondiali: il Falconara piazza il colpo, ecco Taty

23/09/2020 CITTA DI FALCONARA Come già anticipato dalla bontà dei nostri rumors, è arrivata l’ufficialità ...

Marta Peñalver si presenta: “Falconara, voglio scrivere pagine della tua storia”

23/09/2020 CITTA DI FALCONARA Il suo primo gol italiano lo ha siglato proprio al PalaBadiali. Era il primo ottobre 2016 e Marta Peñalver Ramón, appena ...