Categoria: Regionale

Autore: Redazione

Pubblicato il: 15/05/2020

Letto: 254 volte

Un altro addio per il Modena: saluta anche Manuel Bressan

Un altro addio per il Modena: saluta anche Manuel Bressan

Dopo gli addii di Biasi e Rapacchietta è il momento di salutare un’altro di quelli su cui il progetto Modena Calcio a 5 ha poggiato le fondamenta. Manuel Bressan non farà parte della rosa che disputerà la stagione sportiva 2020-2021. Il primo capitano della storia dei gialloblù e soprattutto della squadra della sua città. Senza ombra di dubbio il giocatore più forte a livello tecnico che abbia indossato i nostri colori ed uno di quelli che faceva di intelligenza tattica e visione di gioco un qualcosa di imprescindibile: efficacia ed estetica allo stesso tempo. Con la sua “Bressan eye”, esultanza diventata famosa per l’incapacità di imitare quella ancor più conosciuta di Dele Alli ha fatto impazzire i tifosi del Modena. Anche lui, prima di congedarsi, ha voluto rilasciare una breve intervista al nostro ufficio stampa.

Cosa è significato essere capitano della squadra della tua città?
“E’ stato un onore portare la fascia nella prima storica stagione del Modena. Devo però ammettere di non avere il giusto carattere per fare il capitano, motivo per cui all’inizio di questa stagione si è deciso insieme alla società di cedere la fascia”.

Raccontaci qual’è il momento che ricordi con più piacere legato al Modena Calcio a 5.
“L’assist per Dopico contro la Real Casalgrandese, una delle giocate più belle della mia carriera”.

C’è qualche rimpianto nella tua storia gialloblù?
“Sì, un rimpianto c’è: non aver potuto festeggiare sul campo la vittoria del campionato, ce lo saremmo meritati”.

Pensi che il progetto abbia il potenziale per crescere fino a che livello?
“Credo che il progetto sia stupendo, la società fa bene ad insistere sui giovani e sulla loro valorizzazione. Una delle migliori realtà a livello regionale”.

Ci sarà un futuro nel futsal per Manuel Bressan?
“Ancora non lo so. Sono giovane per smettere, ma il lavoro non mi permette un impegno troppo gravoso. Dipenderà molto dagli stimoli che avrò. In ogni caso, entro 2/3 settimane prenderò una decisione”.

Cosa credi che questa esperienza ti abbia lasciato e cosa invece tu hai lasciato al Modena?
“spero di aver lasciato bei ricordi nei tifosi; qualche giocata, assist o gol, qualcosa per cui essere ricordato positivamente; ho sempre giocato per l’estetica. Non c’è sport senza spettacolo. Porto con me invece il calore di un pubblico meraviglioso”.

Come vuoi salutare tutto l’ambiente del Modena Calcio a 5?
“Ringrazio la società, anche se per i rapporti che ci sono non ho bisogno di dilungarmi più di tanto su questo, però li ringrazio per aver creduto in me, sempre e comunque. Un grosso in bocca al lupo a tutti i miei compagni di squadra, con la speranza di aver lasciato qualcosa di positivo ad ognuno di loro. Un enorme grazie a mister Checa, ho imparato tanto da lui.
Per ultimi, un forte abbraccio a tutti i tifosi del Modena…continuate con questa passione!”.

La società ringrazia Manuel Bressan per tutto ciò che ha fatto per il Modena Calcio a 5. Un esempio di professionalità e talento che non dovrebbe mancare ad alcuna squadra. Siamo certi che per lui ci sia ancora spazio nel mondo del futsal ed anzi, il mondo del futsal ha sempre più bisogno di persone come lui, Biasi e Rapacchietta.


Ufficio Stampa Modena Calcio a 5
 


ARTICOLI CORRELATI

Modena, Luca Vezzani torna all'OR Reggio Emilia

22/05/2020 MODENA Saluta Luca Vezzani. Al termine del prestito annuale il giovane portiere fa ritorno all'OR Reggio Emilia. Per Luca un'annata ...

Rapacchietta e il Modena si separano: "Peccato per quell'infortunio"

12/05/2020 MODENA  Purtroppo è il momento di salutare un altro di quelli che in questi due anni ha contribuito e non poco alla causa del Modena ...